La salsa al vino

Se il vino è buono come il nostro è difficile che avanzi qualcosa nella bottiglia, ma qualche volta può capitare e non c’è modo migliore di utilizzare il buon vino avanzato se non in cucina. Un Amarone può diventare un buonissimo risotto e non esiste carne che non si sposi bene ad una cottura con il vino.

Un altro modo per usare il vino è trasformarlo in salsa, utile da aggiungere su un filetto di maiale o per condire con un tocco gustoso altri piatti.

Ingredienti:

  • 5 dl di vino rosso
  • 50 g di burro
  • 3 dl di brodo
  • 30 g di farina
  • 1 cipolla bianca
  • Sale
  • Timo
  • Alloro

Procedimento:

  1. Pulire bene la cipolla e tagliarla finemente. Setacciare la farina
  2. Lasciare ammorbidire a temperatura ambiente il burro. Farne scogliere 30g in un tegame insieme alla cipolla.
  3. Dopo qualche minuto versare il vino, aggiungere il timo, qualche foglia di alloro, il sale e lasciare cuocere fino a quando il vino non si sarà ridotto di 2/3 rispetto alla quantità iniziale.
  4. Intanto lavorare il burro rimanente con la farina e rimuovere le foglie di alloro dal vino.
  5. Aggiungere il burro e il brodo nel tegame con il vino, continuando a mescolare fino a quando la salsa non avrà raggiunto la giusta consistenza, con tutti gli ingredienti amalgamati insieme.
  6. Togliere la salsa dal fuoco e passarla attraverso un colino per rimuovere i grumi e ottenere una consistenza molto liscia.

In aggiunta a timo e alloro la salsa può essere insaporita anche con bacche di ginepro o un cucchiaino di mele d’acacia.

Con un procedimento molto simile può essere preparata anche la salsa al vino bianco, in questo caso non servono aromi se non una grattata di pepe o per ottenere una consistenza più corposa si può sostituire il brodo con la panna da cucina. La salsa al vino bianco viene particolarmente bene con bianchi delicati come il nostro Soave ed è ideale per condire non solo piatti di carne bianca, ma anche a base di pesce o di verdure.